UNA MONTAGNA DI SOLDI SCIPPATA A PILOTI E AA/VV. Sotto il sole d’agosto qualcuno organizza un’altra stangata per i lavoratori AZ.


Mentre si concretizza il rischio che Atlantia ritiri l’offerta su Alitalia ( vedi Repubblica di oggi) se il Governo dovesse decidere di intervenire sulle concessioni autostradali, come anticipato nel Comunicato della Cub Trasporti ed AirCrewCommittee del 31.7.2019 e mentre il toto-nomine dell’AD della new-Alitalia sembra riesumare vecchie conoscenze (oltre a Scaramella...è spuntato anche il nome di Stolfa ex-Alitalia Lai ed ex-Alitalia Cai!), sotto il sole d’agosto qualcuno organizza un’altra stangata per i lavoratori AZ.

UNA MONTAGNA DI SOLDI SCIPPATA A PILOTI E AA/VV

E’ ormai risaputo che, a seguito di alcuni esposti di Cub Trasporti e AirCrewCommittee, è “decollata” una indagine dell’Ispettorato del Lavoro di Roma, del Nucleo Speciale degli Ispettori Inps e della GdF, sia sull’utilizzo indiscriminato in Alitalia degli ammortizzatori sociali (Cigs e Solidarietà) per Piloti e Assistenti di Volo (...ma anche a terra!), sia su presunte elusioni contributive ai danni del personale di volo AZ (...e non solo Alitalia!): lo anticipò anche il Fatto Quotidiano, a firma di D. Martini, il 17.10.2018.
Il focus dell’indagine su Alitalia riguarderebbe sia un presunto indiscriminato utilizzo degli ammortizzatori sociali a cui a volo si è attinto in largo e lungo in contemporanea alla mancata fruizione di migliaia di giornate di riposo da parte di Piloti e AA/VV, sia il mancato pagamento dei contributi previdenziali del personale di volo AZ, relativamente ad una “porzione” consistente della retribuzione, contabilizzata “erroneamente” come “indennità”, al solo fine (...per ora presunto) di approfittare delle agevolazioni contributive e fiscali introdotte dalla “Legge Visco” fin dal 1997.
Come stiano evolvendo le indagini e le verifiche in atto da parte degli Ispettori del Lavoro e dell’Inps, congiuntamente con la GdF, non è dato sapere ma è difficilmente credibile che eventuali irregolarità siano state perpetrate da Alitalia all’insaputa dei sindacati e Associazioni Professionali che hanno firmato accordi e contratti con cui, di fatto, sono stati certificati gli esuberi e si è negato il diritto ad una pensione adeguata a Piloti e AA/VV (...per non parlare della maternità e di altre prestazioni assistenziali!), oltre ad ammanchi salariali consistenti su molti istituti retributivi (Tfr, 13° e 14° mensilità, ecc.).
In tale contesto supera il segno la lettera trasmessa da Anpac e Anpav ai Commissari Straordinari AZ il 2.8.2019 con cui le suddette Associazioni Professionali, manifestando preoccupazione dell’aumento del costo del lavoro futuro di AA/VV e Piloti (sic!) e della eventuali pretese che l’Agenzia delle Entrate potrebbe vantare sul personale di volo per un possibile recupero fiscale, sollecitano Alitalia a chiarire “quanto l’azienda stia ponendo in essere a livello istituzionale per superare definitivamente tale aberrante interpretazione”.
In altre parole, oltre a stigmatizzare irresponsabilmente il lavoro degli organismi ispettivi, le suddette Associazioni Professionali sollecitano un intervento istituzionale (...UN COLPO DI SPUGNA DEL LEGISLATORE A FAVORE DI ALITALIA, RYANAIR, EASYJET ED ALTRE COMPAGNIE MA CONTRO I LAVORATORI?) che possa contraddire l’esito del lavoro degli inquirenti, con buona pace dei diritti dei lavoratori, delle loro pensioni e maternità, nonchè delle differenze retributive da recuperare.
AL CONTRARIO CUB TRASPORTI E AIRCREWCOMMITTEE RITENGONO ABERRANTE IL SACCHEGGIO SUBITO DA ANNI DA ASSISTENTI DI VOLO E PILOTI NEL SILENZIO E CON LA COMPLICITÀ DI CHI SAPEVA IN SPREGIO DELLE NORME ESISTENTI A DANNO DELLA CATEGORIA E DEI CONTRIBUENTI
Infondate e capziose sono le considerazioni esplicitate sia sul rischio che ai lavoratori possa essere richiesta una quota parte dei contributi previdenziali non versati, sia sulla esosità dell’eventuale recupero fiscale da parte dell’Agenzia delle Entrate: invece di fare terrorismo non è meglio invocare una compensazione tra quanto dovrebbero versare al fisco i lavoratori e le ingenti cifre che devono recuperare Assistenti di Volo e Piloti?

OLTRE AL NECESSARIO RISPETTO DELLE REGOLE, È DOVEROSO TUTELARE IL FUTURO DEL PERSONALE DI VOLO, DEI LORO SALARI, DELLE LORO PENSIONI.
BASTA SILENZI E COMPLICITÀ CON CHI SACCHEGGIA IL NOSTRO FUTURO!

Roma 7 Agosto 2019
CUB TRASPORTI - AIRCREWCOMMITTEE

CUB Trasporti - Confederazione Unitaria di Base
Via Ponzio Cominio 56, 00175 Roma
Tel. 0676968412 - 0676960856 Fax 0676983007
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

     Alitalia-aberrante-saccheggio-dei-lavoratori-AZ.pdf

 

FaceBook