SCIOPERA ANCHE IL COMPARTO AEREO - AEROPORTUALE - INDOTTO24H (non è permesso scioperare nelle fasce orarie 7/10 e 18/21 i comandati devono svolgere solo le attività dei voli garantiti)


La Cub risponde all’appello internazionale di “NON UNA DI MENO” e proclama lo Sciopero Generale di 24h per la giornata dell’8 marzo contro la violenza di genere non solo nella vita ma anche sui posti di lavoro dove lo sfruttamento, i ricatti e le molestie sono all’ordine del giorno.
Nel 2017 in Italia c’è stato un femminicidio ogni 72 ore, mentre gli stupri denunciati sono stati 500, la maggioranza dei quali avvenuti in situazioni “protette”, quelle familiari.
I dati sul lavoro sono allo stesso modo sconfortanti: il tasso di disoccupazione tra le donne è molto alto, il 51% delle donne è disoccupato e l’Italia è penultima nella classifica europea per donne occupate (peggio di noi solo la Grecia).
La discriminazione salariale va dal 20 al 40% a seconda delle professioni e la maternità è la prima causa della riduzione dei salari. Ben il 30% delle donne è costretta abbandonare il lavoro dopo la prima gravidanza e il 78% delle dimissioni “volontarie” riguardano le madri.
Insulti e molestie per le strade e sui posti di lavoro, attacchi continui alla legge 194, un welfare ormai inesistente che si scarica sul lavoro di cura gratuito e sfruttato delle donne nell’impoverimento generale. Contro questa violenza di sistema che nega la nostra libertà noi scioperiamo!

Anche le lavoratrici del comparto aereo aeroportuale indotto subiscono quotidianamente la “violenza di genere”, rappresentano l’anello debole e pagano in prima persona la liberalizzazione, le ristrutturazioni aziendali, il dumping del mercato, l’arretramento culturale e la compressione dei diritti.
Nel settore aereo-aeroportuale-indotto i motivi per scioperare l’8 marzo tutte e tutti insieme sono molti!
La PRECARIETA’: gli aeroporti sono ormai la più grande fabbrica di precariato e un contratto a tempo “indeterminato” può arrivare, se arriva, anche dopo dieci anni.
LA QUALITA’ DEL LAVORO che peggiora di giorno in giorno: chi lavora in aeroporto vive una sostanziale impossibilità di conciliare i tempi di vita con il lavoro per la scarsa disponibilità aziendale su turnazioni, fruizione ferie, permessi, legge 104, mancato esonero notturno per aa.vv., turni di lavoro spezzati, mancanza di asilo nido nel sedime aeroportuale.
IL GENDER GAP e QUESTIONE SALARIALE: part-time involontario a cui le donne sono spesso costrette per le cure familiari, pochi o nulli avanzamenti di carriera, esiguo numero di donne in posizioni apicali, part time obbligato.

L’8 MARZO SCIOPERA ANCHE TU!
APPUNTAMENTO AL CORTEO DI NUDM ORE 17 PIAZZA VITTORIO (RM)

ROMA 04.03.19


C.U.B. TRASPORTI – Confederazione Unitaria di Base
Roma –Sede Operativa - Via Ponzio Cominio, 56 – 00175
06.76968412 - Fax 06.76983007 Pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Milano –Sede Legale

02.70631804 - Fax 02-7060.2409 Viale Lombardia, 20 – 20131

 

FaceBook