Questa Organizzazione Sindacale, proclamante lo sciopero di domani 8 marzo 2019, raccoglie da più parti delle lavorazioni di Trenord notizie di comportamenti non corformi alle norme messi in atto dalle dirigenze dei vari settori. 


Roma, 7 marzo 2019
Spett.
Commissione di Garanzia l.146/90
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Trenord srl
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Oggetto: Comportamento abusivo dell’impresa Trenord in occasione di scioperi
Questa Organizzazione Sindacale, proclamante lo sciopero di domani 8 marzo 2019, raccoglie da più parti delle lavorazioni di Trenord notizie di comportamenti non corformi alle norme messi in atto dalle dirigenze dei vari settori. Se da una parte il soggetto dichiarante è tenuto all’attenzione su ogni dettaglio delle regole sullo sciopero, pare che l’azienda possa fare come crede e al limite risolvere col comando ad arbitrio. Avendo in passato già segnalato aspetti emergenti di tale contegno riteniamo aggravante la pervicacia con cui si insiste.
In particolare per quanto riguarda quanto esplicitamente riportato nelle Norme tecniche sugli scioperi,
ai punti 2.3:
. Manca completamente negli impianti l’affissione degli elenchi nominativi dei turni ai servizi minimi, con l’indicazione completa del turno assegnato;
. I comandi del servizio in occasione dello sciopero avvengono quasi sempre in maniera generica, spesso senza l’indicazione delle modalità operative con cui attenersi all’effettuazione dei servizi minimi previsti e quasi sempre in modo verbale;
. In molti casi ai dipendenti viene richiesto nei giorni antecedenti di conoscere le intenzioni di adesione allo sciopero;
. Quando comandati, i servizi minimi contengono tracce di treni (con rispettiva numerazione) fuori fascia garantita o di invii di materiale vuoto da e per località diverse da quelle servite dai servizi minimi;
. Vengono comandati turni con la pretesa che vi siano svolti non solo i servizi essenziali ma tutte le normali lavorazioni;
. Si danno interpretazioni regolametari ad hoc (a convenienza) pretesamente sostenute dalle norme tecniche ma in realtà in piena contraddizione.
Particolarmente grave quest’ultima circostanza, che nella sua generale ricomprensività, evidenzia una stortura di fondo consistente -ancora prima di sapere se la versione corretta sia quela sindacale o aziendale- nel gettare nella confusione i lavoratori (e forse proprio per questo scopo perseguita) che viola uno degli assunti della legge 146: la corretta informazione, tanto all’utenza quanto ai lavoratori.
Tutto questo si pone evidentemente come abuso nell’interpretazione delle norme che regolano il diritto di sciopero ed operano in maniera distorta verso il non regolare svolgimento dell’agitazione sindacale.
Già ad oggi 7 marzo, continuano a pervenire comunicazioni da parte del personale, che segnala evidenti forzature ed interpretazioni distorsive e unilaterali delle Norme Tecniche.
Non è la prima volta vengono segnalati abusi e difformità da parte dell’impresa Trenord, le più recenti dalla O.S. O.R.S.A. (lettera del 14-11-2017) e da CuB Trasporti (lettera del 30-12-2017).
Per parte della Scrivente daremo indicazione ai lavoratori di non dare seguito ai comandi ritenuti illeciti.
Resta tuttavia un margine di confusione indotto dal comportamento di Trenord, cui andrà imputata ogni responsabilità in caso di difetto di comportamento dei singoli lavoratori.

Confederazione Unitaria di Base Trasporti
Coordinatore Nazionale – Antonio Amoroso

CUB Trasporti - Confederazione Unitaria di Base
Via Ponzio Cominio 56, 00175 Roma
Tel. 0676968412 - 0676960856 Fax 0676983007
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

        CUB-Commissione-illeciti-3NORD-su-sciopero.pdf

 

 

FaceBook