Il senatore Sacconi, noto detrattore del diritto, prova ad infilare nella finanziaria un articolo della proposta di peggioramento della legge antisciopero 146/90, presentata in senato assieme ad Ichino e Damiano.

Sacconi ha presentato un emendamento alla finanziaria, che sarà discusso giovedì 30 novembre e che, se approvato, obbligherà i lavoratori a comunicare la propria volontà di aderire ad uno sciopero con 7 giorni di preavviso.

Con l’escamotage dell’emendamento alla finanziaria, che nulla centra con il tema, si tenta di ridurre ulteriormente il diritto di sciopero, permettendo alla sempre più offensiva classe padronale di adottare tutte le contromisure per smontare e boicottare l’adesione allo sciopero dei lavoratori dei servizi pubblici essenziali, potendo anche esercitare pressioni contro i singoli lavoratori.
Negli ultimi anni l’attacco ai salari, alle condizioni di lavoro, alle pensioni e ai diritti dei lavoratori è stato sempre più pesante e il restringimento della possibilità di lottare, rafforza il potere padronale e affonda gli artigli sulla legittima resistenza dei lavoratori, soprattutto dei trasporti.
La negazione del “diritto dei diritti” oggi, è propedeutica alla dismissione e allo spezzatino di Alitalia, alla privatizzazione di FS e alle gare d’appalto del Trasporto Pubblico Locale che comporteranno la perdita di migliaia di posti di lavoro, l’abbassamento ulteriore delle tutele e dei salari nonché l’aumento dell’orario di lavoro, della precarietà e delle tariffe per i cittadini utenti.
Si tenta così, di dare il colpo di grazia allo strumento più potente per la difesa dei lavoratori, dopo che si è già minato quello della rappresentanza con l’accordo del 10 gennaio 2014.
Lo Sciopero è la forma di lotta democratica per eccellenza. Non a caso ogni regime autoritario da subito ne ha vietato il diritto ed è anche grazie allo sciopero che molti di questi regimi sono caduti.
La CUB non lascerà nulla d’intentato e parteciperà a tutte le iniziative per bloccare questa ideologia dispotica, difendendo il diritto di sciopero, praticandolo sempre e comunque.

Milano, 28 novembre 2017

CUB-Traspporti
V.le Lombardia, 20 Milano - tel. 0270631804 fax 0270602409
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.cub.it


FaceBook