Riuscito lo Sciopero effettuato nell’intera giornata del 2.10.2017 nel comparto aereo-aeroportuale-indotto contro la precarizzazione del lavoro, i licenziamenti, i tagli salariali e normativi, l’abbattimento delle tutele sulla salute e sicurezza, contro l’ingresso delle cooperative negli aeroporti di linate e malpensa,

contro le privatizzazioni e a sostegno dell’intervento pubblico nel capitale delle principali aziende del settore, nonchè contro la limitazione del diritto di sciopero e quello di rappresentanza.

Altissime le adesioni a Malpensa e a Linate, ove i lavoratori stanno da tempo lottando contro la pretesa di subappaltare la gestione dell’handling per Ryanair ad una cooperativa, producendo un effetto devastante su tutto il settore e innescando un dumping salariale e normativo senza precedenti nel settore.

Lo sciopero è riuscito a Linate e Malpensa nonostante cglcisluilgflai abbiano revocato la loro proclamazione prevista nei suddetti aeroporti per lo stesso 2.10.2017 e nonostante nei giorni precedenti all’astensione dal lavoro proclamata per il 2.10.2017 dalla Cub Trasporti sia stato tenuto segreto il pronunciamento del Consiglio di Stato che ha respinto il ricorso presentato dalla Sea ed ha confermato la decisione del Tar, favorendo, a danno della categoria, l’ingresso delle cooperative nelle attività di handling negli aeroporti.

E’ evidente che la Sea e le altre organizzazioni sindacali hanno temuto che la situazione potesse loro sfuggire di mano e, come successo in passato, mentre si manifestano contrari all’ingresso delle cooperative, tentano di ridimensionare le mobilitazioni della categoria: un trucchetto che non è riuscito vista l’enorme partecipazione dei lavoratori allo sciopero e la determinazione con cui proseguiranno le iniziative che la Cub Trasporti ha intenzione di organizzare.

Riuscito anche lo Sciopero in Alitaliaove, nonostante il silenzio stampa sulla mobilitazione, si è registrato un gran numero di ritardi,lo spostamento a dopo la mezzanotte di alcuni intercontinentali e la cancellazione in operativo di poco meno di 10 voli, allungando la lista già numerosa (circa 30 voli) delle cancellazioni effettuate preventivamente dalla compagnia a fronte della mobilitazione in programma. Significativa è stata l’adesione del personale di volo.

Anche in questo caso la lotta dei lavoratori contro lo smembramento e la vendita della ex-Compagnia di Bandiera dura da tempo, viste anche le mobilitazioni effettuate prima del fragoroso NO al Piano di liquidazione di Alitalia e alla richiesta di intervento diretto dello Stato a difesa di un assett strategico per il Paese.

Importanti le adesioni allo sciopero del 2.10.2017 anche in altri aeroporti italiani: in particolare negli aeroporti di Firenze e Pisa, ove i lavoratori hanno aderito per manifestare contro le terziarizzazionidelle attivitàed i licenziamenti.

LA CUB TRASPORTI CONFERMA LA PARTECIPAZIONE ANCHE DEL COPARTO AEREO-AEROPORTUALE-INDOTTO ALLO SCIOPERO GENERALE DEL 27.10.2017.

4 OTTOBRE 2017
CUB TRASPORTI-AIRCREWCOMMITTEE

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FaceBook