Il fragore violento di 27 vite spezzate che ha squarciato ieri mattina la campagna di Corato è l'ultimo di una scia nefasta, che continua a seminare sangue sui binari di questo paese.
Nonostante il fiume di denaro pubblico speso in questi ultimi 20 anni per

ammodernare la rete ferroviaria italiana si continua a morire tra i binari, perché nell’era delle applicazioni tecnologiche abbiamo migliaia di km di rete non coperta da sistemi di sicurezza adeguati. Monzuno, Firenze Castello, Crevalcore, Viareggio, sono alcuni dei precedenti più emblematici nella storia recente, ma una lunga catena di incidenti ha imperversato in questi anni, talvolta per incuria, talvolta per errori, talvolta per malfunzionamenti tecnici, causando centinaia di vittime.

Quello che manca è una cultura di sicurezza che prescinda dai budget aziendali e dagli obiettivi industriali; una battaglia per la sicurezza che i ferrovieri, talvolta sanzionati e licenziati, perseguono da anni, inascoltati da istituzioni ed aziende oggi impegnate a commemorare i defunti.
In un paese segnato dalle divisioni economiche, sociali e territoriali, esistono tante ferrovie... esistono linee tra le più moderne del mondo, al servizio delle gradi città industriali e poi un infinità di realtà minori e dimenticate, dove sopravvivono sistemi tecnici vergognosamente obsoleti, così come il blocco telefonico e il binario unico che vige tra Andria e Corato.
Oltre la metà delle linee ferroviarie italiane è tutt'oggi a semplice binario ed il blocco telefonico è il regime di circolazione ancora utilizzabile, in moltissime linee, in caso di degrado e malfunzionamento dei sistemi tecnici, significativo peraltro che le linee più arretrate sono proprio quelle delle ferrovie private, elemento che i fautori della liberalizzazione e delle privatizzazioni dovrebbero tenere bene a mente.
Da anni sosteniamo che era necessario mettere in sicurezza l'intera rete italiana, prima di investire capitali immensi per l'Alta Velocità che serve meno del 10 % del traffico di viaggiatori; ma in linea con le politiche classiste di questi anni, si è scelto di agevolare i flussi finanziari ed economici, anziché servire studenti, pendolari e famiglie. Si tratta della trasformazione delle ferrovie italiane, che da servizio pubblico e sociale hanno lasciato spazio al percorso di privatizzazione commerciale, una trasformazione i cui rischi ed effetti nefasti sono evidentemente stati sottovalutati.
La politica del trasporto ferroviario in Italia, dagli anni novanta a oggi, ha visto la chiusura o l’abbandono di molte linee considerate rami secchi, l'impresenziamento di innumerevoli stazioni e presidi, il taglio drastico di tutti i servizi non Alta Velocità.
Non dimentichiamo che i due treni stavano entrambi viaggiando con un solo macchinista, sistema macabramente soprannominato “uomo morto” e che nelle stazioni il personale ferroviario di controllo è stato ridotto al minimo in tutta la rete ferroviaria, ciò anche con la complicità di sigle sindacali che in virtù della concertazione e compartecipazione alla gestione aziendale, hanno svenduto in questi anni i diritti di lavoratori e viaggiatori.
Peraltro la probabile cancellazione del progetto di sotto-attraversamento e stazione AV di Firenze, dopo che già centinaia di milioni di euro sono stati impiegati in un'opera che i comitati di cittadini da anni hanno bollato come inutile e dannosa, dimostra quanto miope sia stata la politica di investimenti di questi anni.
Di fatto mentre ancora si punta a realizzare contro il volere dei cittadini la TAV in val di Susa con l'investimento di miliardi di euro, 27 urla spezzate nella campagna di Corato mostrano inesorabilmente la dura realtà.
Allora adesso chiamatelo pure errore umano, se volete continuare a mistificare la realtà avallando la rincorsa di profitti sempre maggiori sulle spalle di lavoratori e pendolari.
Chiediamo che si torni a considerare prioritaria la sicurezza di tutti i viaggiatori in tutto il paese, e che si fermino i processi di privatizzazione che hanno causato la mattanza di posti di lavoro anche tra gli addetti al movimento e alla sicurezza; chiediamo il ripristino del doppio agente di macchina e ritmi lavorativi più umani e più sicuri per tutti.
Siamo qui per gridare che Non permetteremo che questo ennesimo disastro, sia accantonato e sacrificato in nome del profitto e della speculazione, continueremo a lottare per presidiare sicurezza e qualità del trasporto e della vita di utenti e ferrovieri.
Con voci stozzare di rabbia e di dolore, trafitti nel cuore da 27 pugnalate avvelenate, siamo qui per chiedere giustizia e verità.
Mai Più!!

13-lug-2016

FERROVIERI CUB TRASPORTI
CUB - Confederazione Unitaria di Base  
Sede Nazionale: Milano, V.le Lombardia 20
fisso: 02/70631804 - fax: 02/70602409
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.cub.it


Share this post
FaceBook