Inquinamento Ilva

Anche a livello governativo si considera questa  possibilità, è necessario passare dalle chiacchiere ai fatti.

Gli obbiettivi che devono essere alla base dell’intervento pubblico:
1. Salvaguardia dell’occupazione e integrità della retribuzione
2. Risanamento del ciclo produttivo e in contemporanea bonifica ambientale dell’azienda e del territorio di Taranto e provincia.

 
La gestione dell’Ilva pubblica deve garantire contemporaneamente l’insieme dei problemi (occupazione, retribuzione,risanamento ambientale), NO alla politica dei 2 tempi perché si è sempre ridotta ad un solo tempo, quello del profitto.

E ovvio che se  i lavoratori delegheranno ai soliti noti l’attuazione delle modalità e degli obiettivi dell’intervento pubblico ci troveremo in una situazione che non cambierà la sostanza dei problemi esistenti per i lavoratori e il territorio.

FLMUniti-CUB si impegna ha chiamare i lavoratori a iniziative di mobilitazione e di lotta perché si proceda velocemente all’intervento pubblico, alla definizione del programma di salvaguardia dell’occupazione e della retribuzione, del piano di risanamento del ciclo produttivo e della bonifica ambientale.

Il commissario ha  tentato di non pagare a dicembre il PDR, il commissario sta facendo il battistrada a una ipotesi di messa in discussione delle condizioni salariali anticipando un orientamento che probabilmente l’ILVA espliciterà  nei prossimi mesi.

Non aspettiamo che le decisioni siano assunte, diventa protagonista del tuo futuro organizzandoti con la FLMUniti-CUB, dal 1991 il più importante sindacato di base dei metalmeccanici e dei siderurgici.

P.S. FLMUniti Cub ha deciso di rinunciare alla trattenuta sindacale sulla 13a mensilità .

Dicembre 2014

 

 

 

Share this post
FaceBook