La FLMUniti-CUB propone a tutti i sindacati, alle associazioni, ai comitati, ai movimenti, alle organizzazioni, ai partiti, a tutti quelli che condividono la necessità di agire unitariamente per gli interessi comuni di lavoratori e cittadini, di istituire un TAVOLO PERMANENTE di confronto e di programmazione di iniziative.


Agire in maniera decisa per la chiusura programmata delle fonti inquinanti, per un piano di bonifica del sito industriale e del territorio (falde, terra, mare) con l’impiego di tutti i lavoratori ILVA in A.S./Arcelor-Mittal/indotto, debitamente formati, ai quali venga garantito salario e posto di lavoro.
Progettare la riconversione di prodotti compatibili con l’ambiente, che salvaguardi la sicurezza e la salute dei lavoratori e dei cittadini.
Proponiamo di concordare insieme le date per avviare un serio confronto con l’obiettivo di costruire un fronte di lotta unitario, rapporti di forza necessari ed indispensabili al raggiungimento del comune obiettivo: uniti si può vincere!
Insieme ai lavoratori, che sostengono che il proprio interesse è salvaguardare la salute, lavorare in sicurezza, avere un posto di lavoro tutelato e duraturo, vivere dignitosamente con la propria famiglia e la comunità.
Insieme ai cittadini, che vogliono difendere la vita della comunità, che sostengono che i lavoratori non devono lavorare sotto ricatto, non devono essere costretti a scegliere tra diritto al lavoro e diritto alla salute, ma devono avere un lavoro stabile che non metta in pericolo la loro salute e la salute di chi vive intorno al sito produttivo.
Dare un futuro ai giovani, difendere gli interessi dei lavoratori, difendere gli interessi dei cittadini: tutti interessi comuni!
SALUTE E LAVORO, UNICO OBIETTIVO
11.11.2019


Federazione lavoratori Metalmeccanici Uniti
Confederazione Unitaria di Base
Milano: V.le Lombardia 20 - tel. 02/70631804 www.cub.it - e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Taranto: Via Plateja, 15 – Tel. 099/5932922
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

      Vertenza-ILVA-e-ora-di-agire.pdf

 

 

FaceBook