La tre giorni congressuale del più importante sindacato inquilini di base, nato nel 1968, tra i fondatori della CUB e dell'International Alliance of Inhabitants, pone al centro del dibattito l’innovazione necessaria di nuove vertenze per aggredire le cause strutturali della sofferenza abitativa.

 

 

Il fallimento del liberismo nelle varianti centrodestra/centrosinistra richiede infatti un vero piano casa, finanziato a livello locale, nazionale e anche dell'Unione Europea, nonché un nuovo “canone equo”, per contenere i prezzi degli affitti e combattere gli sfratti. Per raggiungere questi risultati è indispensabile la mobilitazione, in particolare la resistenza contro gli sfratti, e l'azione politica unitaria di una “coalizione per il diritto alla casa” collegata a una coalizione sociale alternativa.


Il Congresso Nazionale che si tiene a Livorno quest’anno ha avuto il piacere di ricevere il sostegno di artisti, intellettuali, urbanisti e personalità interessate al tema diritti e ai beni comuni, attraverso personali dichiarazioni sul tema diritto alla casa.
Tra questi: Paolo Berdini (urbanista), Massimo Carlotto (scrittore), Ascanio Celestini (attore, scrittore), Erri De Luca (scrittore), Antonella Inverno (avvocato di Save The Children), Fabio Marcelli (giurista internazionale), Ugo Mattei (giurista internazionale), Sandro Medici (giornalista), Argiris Panagopoulos (giornalista), Andra Rivera (attore), Andrea Satta, voce dei Têtes De Bois (cantante, scrittore), Angela Scarparo (scrittrice), Gabriella Stramaccioni (presidente di Libera), Padre Alex Zanotelli (missionario comboniano).
Chi è l'Unione Inquilini: di base e radicata, combattiva, competente, internazionalista
Il profilo politico e sindacale dell’Unione Inquilini è netto: una organizzazione combattiva, conflittuale, non concertativa. In molti territori, la pratica dei picchetti anti-sfratto, le occupazioni, le vertenze, le manifestazioni sono attività che costituiscono il pane quotidiano delle sedi, accanto alla consulenza e alle mille risposte che singoli e gruppi di inquilini o assegnatari.
Questo capacità conflitto non ha lasciato scoperto gli altri due caratteri che
costituiscono il dna dell’Unione Inquilini: lo studio e la competenza specifica sulle singole questioni e la disponibilità ai percorsi unitari.
Tutto questo nasce da una storia importante, di cui il Congresso nazionale del 2013 è stata l'ultima tappa strategica.
Il primo nucleo dell'Unione Inquilini nacque infatti a Milano nel 1968, sull'onda delle occupazioni e dell'autoriduzione degli affitti, in collegamento con le lotte del movimento operaio e sindacale, di cui rilanciava la struttura organizzativa a livello di quartiere, per poi diffondersi nelle principali città italiane come  Roma, Firenze, Napoli.
Oggi, con le 30.000 famiglie che si iscrivono annualmente in 50 province su tutto il territorio nazionale, l'Unione Inquilini è riconosciuto dal 1999, ai sensi della L. 431/98, come sindacato maggiormente rappresentativo. L’Unione Inquilini è tra i sindacati fondatori della Confederazione Unitaria di Base (CUB) tra i maggiori sindacati di base che operano in Italia.
L’Unione Inquilini ha relazioni continue con associazioni come Libera, Save The Children, Consiglio Italiano Rifugiati, gli studenti di Link e Sbilanciamoci, quest’ultima per la stesura della controfinanziaria per la parte che riguarda le politiche abitative.
Importanti le relazioni con parti dei movimenti di lotta per la casa tra i quali il Movimento di lotta per la casa di Firenze, Action di Roma e il Movimento di lotta per la casa 12 luglio di Palermo.
L’Unione Inquilini è tra i fondatori dell’Alleanza Internazionale degli Abitanti (IAI) della quale esprime il coordinatore internazionale, impegnata a livello europeo e globale, in particolare con la Campagna Sfratti Zero e la costruzione delle convergenze delle lotte per il diritto alla casa e alla città, come definito dalla recente Assemblea Mondiale degli Abitanti (FSM Tunisi, 24-28 marzo 2015) in vista del Foro Sociale Urbano Mondiale (Quito, ottobre 2016), alternativo al vertice ONU Habitat III, Info multilingue www.habitants.org .
L’Unione Inquilini ha una importante presenza nel web, con un sito nazionale www.unioneinquilini.it che a oggi vanta circa 1.7 milioni di pagine lette e che negli ultimi anni ha visto un incremento continuo e sostanziale di visite e pagine lette, molto presente con siti delle singole federazioni su Facebook e Twitter.
Dall’ultimo congresso di Chianciano del 2012, nel corso del triennio 2012-2015, l’Unione Inquilini è stato protagonista di iniziative nazionali quali: il lancio e il sostegno alla Giornata Nazionale “Sfratti Zero”, la vasta mobilitazione contro il decreto che proponeva la vendita all’asta delle case popolari ; dal 2011 al 2014 l’Unione Inquilini è stata protagonista di una forte campagna contro i canoni neri. Senza dimenticare l'impegno sviluppato sul fronte delle cooperative di abitanti, di autorecupero abitativo, in proprietà collettiva, multietniche e multiculturali.
Il Congresso di Livorno del 17-19 aprile 2015 è quindi il Congresso di un sindacato in forte ascesa e crescita che intende dotarsi di capacità organizzativa e di una piattaforma programmatica capace di affrontare le questioni della precarietà abitativa nel terzo millennio.

 

Per richiesta materiali congressuali, interviste al segretario nazionale e altre info:
Ufficio stampa - Isabella Borghese Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
mobile 3208938311

Venerdì, 17 Aprile 2015

 

www.unioneinquilini.it

 

 

FaceBook