Noi, del Sindacato dei tecnici-amministrativi per l'educazione dell'Istituto federale Piauí SINTAE-IFPI, abbiamo scritto questa nota per mostrare solidarietà allo sciopero della scuola in Italia, perché sappiamo che i lavoratori di tutto il mondo hanno subito degli attacchi ai diritti storici conquistati con molta lotta;

Governi e padroni hanno unito le forze per precarizzare la vita dei lavoratori e così via, è necessario reagire con lotta, mobilitazione e scioperi.

Sappiamo che, in particolare, i lavoratori dell'istruzione hanno avuto delle difficoltà occupazionali, dal momento che, sia in Brasile, in Italia o in qualsiasi parte del mondo, c'è stato un gran numero di licenziamenti, la precarizzazione delle scuole, istituti e università, ha l’obiettivo di privatizzare l'educazione, trasformandola in una merce, che genera profitti solo per il grande capitale e toglie ai più sfruttati e oppressi la possibilità di avere un futuro migliore e una vita dignitosa.

In Brasile, dal 2013 ci sono state rivolte popolari che hanno denunciato la corruzione, richiedendo maggiori investimenti nei settori della sanità, dell'istruzione, della sicurezza, della casa. Proprio ora nello stato di Piauí, gli insegnanti hanno dichiarato uno sciopero per l'inizio dell'anno scolastico.

In Italia sappiamo che la vita degli insegnanti "precari" è instabile, quindi noi del SINTAE-IFPI inviamo il nostro pieno supporto allo sciopero del 14 febbraio.

#soloconlalottacambialavita
#solidarietà
#scioperodellascuola
#stabilizzazionesubito

Jéssica Cristina Aguiar Ribeiro
Coordinatrice generale del SINTAE-IFPI

       Nota-di-solidarieta-del-SINTAE-IFPI.pdf

 

FaceBook