Grazie ministro Bersani: Per chi va in pensione aumenta la tassazione sull’incentivo - un piccolo “regalo” del Governo ai lavoratori dipendenti.

È il primo “regalo” del governo ai lavoratori in attesa delle prossime stangate.
Da oggi i lavoratori uomini con più di 55 anni e donne con più di 50 anni non avranno più lo sconto del 50% sulla tassazione degli incentivi aggiuntivi al TFR.
Lo ha deciso il Governo che con il cosiddetto decreto Bersani del 30 giugno  ha abrogato il comma 4-bis dell’articolo 19 del Dpr 29 dicembre 1986 N° 917.
Attualmente  tutti gli incentivi per la pensione o per la mobilità per chi aveva più di 55 anni se uomini  o 50 anni se donne erano tassati all’ 11,50%  invece del 23% che è la tassazione minima del TFR. D’ora in poi tutto sarà tassato almeno al 23 %.
Per i lavoratori si tratta di un piccolo “regalo” del Governo (leggi fregatura). Per fare un esempio se uno prende 10.000 € di incentivo lascia per strada 1150 €.
Il risparmio previsto dal Governo è stimato in 71 Milioni € nel 2006 e 171 Milioni € nel 2007.
Per la cronaca
È successo che a Novara un lavoratore che aveva meno di 55 anni si era rivolto al Commissione Tributaria per rivendicare lo stesso sconto di tassazione sull’incentivo. Tale ricorso era arrivato alla Commissione Europea che aveva invocato la parità di trattamento dei lavoratori sia di diversa età che di sesso. A questo punto il Governo invece di aggiustare la legge del 1986 l’ha cancellata.
Questo è il primo assaggio di quelle che si annunciano come le prossime stangate, prima fra tutte l’anticipo al gennaio 2007 dell’obbligo di versare tutto il TFR nei fondi pensioni con la famosa norma del silenzio assenso.
Ancora una volta si comincia a parlare di politica dei sacrifici e di concertazione per poterla attuare. Questi due concetti hanno segnato un passato funesto per i lavoratori che non vorremmo si ripetesse ancora una volta.
Rifiutiamo, come abbiamo sempre fatto, il concetto che siano i lavoratori a fare ancora i sacrifici.
Se servono soldi si vadano a ricercare tra coloro che in questi anni si sono arricchiti.
Un piccolo consiglio e una richiesta
Dato che abbiamo beneficiato di questa “piccola fregatura” da parte del Governo è bene non farsi fregare anche dall’azienda. Per questo, dato che la Fiat sbandiera che le cose vanno bene, aumenti l’offerta di incentivo per coloro che fisiologicamente sono in condizioni di richiederlo.

11-7-2007 FLM UNITI CUB ARESE
FaceBook