AUTOGRILL: IL GIUDICE DEL LAVORO REINTEGRA IL DELEGATO CUB - La lotta iniziata dai lavoratori dell’Autogrill di Linate, organizzati nella FlaicaUniti– CUB, contro il rinnovo del C.I.A. (che aumenta la flessibilità, falcidia i salari, divide nuovi e vecchi assunti e colpisce la malattia retribuita)

e il monopolio della rappresentanza sindacale garantito a CGIL – CISL – UIL e UGL, aveva avuto come rappresaglia il licenziamento di Michele, delegato sindacale.
Il fatto che la FlaicaUniti – CUB fosse il primo sindacato nell’unità produttiva, che i suoi delegati fossero stati eletti dai lavoratori a larga maggioranza, che persino un Giudice del Lavoro di Milano avesse riconosciuto questa maggiore rappresentatività e obbligato l’azienda a trattare con il nostro sindacato (Sent. 30.01.2017) all’azienda non interessava: gli unici interlocutori sindacali devono essere CGIL – CSIL – UIL – UGL e, visti i continui cedimenti di queste sigle, non riesce difficile capirne il perché!

I lavoratori hanno anche scioperato chiedendo all’azienda di cessare la discriminazione nei confronti della CUB e perché ritenevano “pretestuose” le argomentazioni alla base del licenziamento di Michele.
L’obiettivo dell’azienda, infatti, era quello di colpirne 1 per educare tutti gli altri.

Dopo che il Giudice del Lavoro ha dichiarato che le accuse imputate a Michele non potevano assolutamente giustificare il suo licenziamento ed ha ordinato ad Autogrill di reintegrarlo nel suo posto di lavoro si è raggiunta finalmente un’intesa tra le parti che ha consentito a Michele, senza più rischi di appelli e ricorsi, di tornare al suo lavoro e al suo impegno sindacale. 

VITTORIA!

Linate 22.11.2017

 

Federazione Lavoratori Agro-Industria Commercio e Affini Uniti
Confederazione Unitaria di Base
Sede Nazionale: Milano - V.le Lombardia, 27 - Tel. 02/70631804 Fax 02/70602409
Sede Locale: Vimodrone (MI) – Tel. 02/95341107 Fax 02/95288938
FB: Flaica – CUB www.cub.it Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Share this post
FaceBook