DEFINITI I NUOVI COEFFICIENTI DI CALCOLO
PENSIONI SEMPRE PIÙ LONTANE E DA GENNAIO ANCORA PIÙ LEGGERE  

 

 

PRENDI IL VOLANTINO IN FORMATO .zip
 

 

Dal 2013 ribassati del 2,6/3,9 per cento i parametri per il calcolo della pensione con il sistema contributivo rispetto a quelli in vigore nel periodo 2010/2012. Nel 2016 nuova modifica e dal 2019 sarà biennale.
E’ la seconda modifica dei coefficienti stabiliti nel 1995, anno di introduzione del sistema contributivo per tener conto dell’aspettativa di vita. I coefficienti validi dal 2013  e fino al 2015 risultano inferiori a quelli iniziali de 1995 da un minimo di 8,81% ad un massimo dell’11,48%.
A parità di contributi accantonati, per avere lo stesso importo di pensione che si riceveva nel 1995 a 65 anni, nel 2013  bisognerà andare in pensione a  68 anni e mezzo di età.

Valori coefficienti calcolo pensione sistema contributivo da 1995 al 2013


               Coefficiente      Coefficiente          Taglio %    Coefficiente       Taglio %     Taglio %

Età                 1995                 2010             95-10                2013             10-13          95-13
57                    4,72                 4,42             -6,35593          4,304          -2,62443     -8,81356
58                    4,86                 4,54             -6,58436          4,416          -2,73128     -9,1358
59                    5,01                 4,66             -6,98603          4,535          -2,6824       -9,48104
60                    5,16                 4,80             -6,97674          4,661          -2,89583     -9,67054
61                    5,33                 4,94             -7,31707          4,796          -2,91498    -10,0188
62                    5,51                 5,09             -7,6225            4,94             -2,94695    -10,3448
63                    5,71                 5,26             -7,88091          5,094          -3,15589    -10,7881
64                    5,91                 5,43             -8,12183          5,259          -3,14917    -11,0152
65                    6,14                 5,62             -8,46906          5,435          -3,29181    -11,4821
66                                                                                          5,524         
67                                                                                         5,826         
68                                                                                         6,046         
69                                                                                          6,283         
70                                                                                          6,541        


Ma non è finita, secondo la Fornero:  “ la riforma delle pensioni  è stata varata senza grandi consultazioni con le parti sociali riservando ad esse una parte finale di comunicazione. Abbiamo sostanzialmente eliminato le pensioni di anzianità, innalzato i limiti di età, equiparato i limiti di età di pensionamento  uomini/ donne e introdotto il contributivo per tutti...... fra qualche anno ( fra  6/10 anni) con i risparmi nel frattempo realizzati , si può pensare ad una graduale riduzione dell’aliquota pensionistica  pubblica con la Possibilità à di devolvere questa riduzione a fondi privati.”

La previdenza per il governo insomma è un cantiere aperto e una variabile dipendente del bilancio dello stato e del progetto di favorire, con la previdenza integrativa, la speculazione finanziaria che tanti danni sta provocando. Per la Cub invece bisogna riconquistare la pensione  pubblica, il pensionamento a 60 anni, l’80% dell’ultima retribuzione con 40 anni di lavoro, un aumento generalizzato delle pensioni in essere, l’adeguamento automatico alla dinamica retributiva e all’aumento dei prezzi .


Milano maggio 2012
 

Sede nazionale: Milano V.le Lombardia 20 - tel. 02/70631804 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

 

Share this post
FaceBook