Yahoo.it

Sabato 10 Gennaio 2004, 14:39

Trasporto Locale: Sindacati Base A Governo, Ora Tavolo Con Noi  

(ANSA) - ROMA, 10 GEN - I sindacati di base esprimono "grande soddisfazione" per lo sciopero nazionale del trasporto locale di ieri. E parlando di un'adesione tra l'85 ed il 100 per cento, sottolineano - in una nota - come l'iniziativa sia stata "una vera sconfitta della concertazione al ribasso attuata con l'accordo del 20 dicembre scorso tra Governo, Aziende, Cgil, Cisl e Uil". Nelle grandi città come nelle piccole l'adesione si è tradotta "di fatto in un vero e proprio referendum contro l'accordo". Il coordinamento nazionale lancia quindi un nuovo "duro monito al Governo e alle aziende affinché sia immediatamente aperto un tavolo di confronto con le organizzazioni realmente rappresentative della categoria che restituisca agli autoferrotranvieri le proprie spettanze: la mancata apertura - puntualizzano - non potrà che produrre nuove iniziative di lotta sulle cui modalità di attuazione sarà aperto un immediato confronto con il coordinamento ed i lavoratori". Rdb/Sult, Fltu/Cub-Slai Cobas-Conf.Cobas sottolineato così "il segno di difficoltà in cui versano coloro che si sbracciano a difendere un accordo indifendibili nel merito e nel merito": "le prime reazioni di esponenti di Governo, in particolare del sottosegretario al Welfare Maurizio Sacconi - proseguono nella nota - sono di netta chiusura e tentano inoltre di sminuire l'indiscutibile successo dello sciopero nazionale".

(ANSA).
 .-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.
Il gazzettino

I CUB DEL FRIULI  

«Resta ancora alta la Possibilità à di altre agitazioni selvagge» 
Secondo il coordinatore regionale Cub-Rdb Trasporti del Friuli-Venezia Giulia, Willy Puglia, «è evidente che le aziende continuano a voler sminuire il ruolo fondamentale che le organizzazioni sindacali di base dei trasporti vanno assumendo in questa vertenza, che le ha viste escluse dal tavolo di trattativa nazionale» ed esiste «il rischio di scioperi selvaggi».

 
Commentando la diversità di cifre sull'adesione allo sciopero di oggi, fornite da sindacati e aziende, Puglia ha detto che, «con le massicce adesioni allo sciopero registrate anche a livello nazionale, i lavoratori hanno ribadito che la piattaforma portata avanti dai sindacati di base e presentata ai Prefetti con la richiesta di riapertura del tavolo di trattativa, era corretta. Se le aziende e il Governo continueranno a non tener conto di questo che, tutto sommato, è stato un referendum contro l'accordo del 20 dicembre - ha precisato Puglia - i lavoratori decideranno azioni di protesta che non saranno sicuramente all'interno delle normative della legge 146, che contempera il diritto di sciopero rispetto anche ai diritti di mobilità dell'utenza. Si potrebbero verificare - ha concluso - delle situazioni generalizzate di scavalcamento di questa normativa, e quindi scioperi selvaggi in qualsiasi azienda».

FaceBook