Vogliono il monopolio della rappresentanza e il diritto esclusivo di dichiarare sciopero.



Rivendicano una ulteriore restrizione al diritto di sciopero nel pubblico impiego, già reso praticamente inefficace dalle leggi vigenti.
I servizi pubblici sono bloccati dal disastroso stato in cui versano a causa dei tagli, delle privatizzazioni e delle condizioni sempre più degradate in cui lavorano i dipendenti, unito ad un costante aumento dei prezzi per l'utenza a scopo puramente speculativo per rimpinguare costantemente i profitti degli azionisti!

 

 

FaceBook