- Sanzioni ai sindacati per qualche minuto di ritardo nella partenza per l’indizione di una assemblea dell’1.8.2017, promossa per contrastare l’ingresso della cooperativa Alpina voluta da Ryanair.
- Neppure un euro di multa da parte di Enac a Ryanair che ha lasciato a terra in Italia oltre 300 mila passeggeri.
La Commissione di Garanzia, eseguendo il compitino assegnatole dal Governo e rifiutando inspiegabilmente tutte le giustificazioni addotte dalle OO.SS. coinvolte, sanziona con 20.000 euro di multa i sindacati di Malpensa e Linate.
La notizia resa pubblica già nella tarda serata di ieri, prima ancora che i sindacati interessati ricevessero le dovute comunicazioni, a riprova che a nessuno nelle istituzioni interessa capire come siano andate le cose.
La verità è che la Commissione di Garanzia, brandendo le sanzioni, ha avuto solo la premura di appagare la smania interventista di chi pretende solo di fermare le mobilitazioni dei lavoratori contro le false cooperative.
D’altra parte se a muovere la Commissione di Garanzia ed il Governo fosse stato davvero l’interesse di tutelare i passeggeri non si spiegherebbe come mai l’Enac, su mandato del Ministero dei Trasporti, abbia deciso di non fare un euro di multa a Ryanair che in Italia ha lasciato a terra 300 mila passeggeri.
In realtà anche questa decisione della Commissione di Garanzia rappresenta, all’indomani della riduzione a 4 ore dello  sciopero generale del 27 ottobre scorso nei trasporti, l’ennesimo riprova del clima autoritario che si è instaurato in Italia, finalizzato ad imbavagliare i lavoratori e a privarli del diritto di parola e di intervento.
La Cub Trasporti valuterà nelle prossime ore quali iniziative legali mettere in campo per tutelare la libertà dei lavoratori di continuare a lottare contro il dilagante abuso delle cooperative negli aeroporti.
La Cub Trasporti contro l’ingresso della
cooperativa Alpina a Linate e Malpensa e contro l’utilizzo massivo delle cooperative nel settore merci, continuerà la lotta con ulteriori iniziative di scioperi.

Milano 31/10/2017

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Share this post
FaceBook