La Cub di Catania e la Cub-Scuola in Sicilia conducono da tempo delle vertenze sindacali relative al diritto allo studio, alle politiche contrattuali, il lavoro privato, le disabilità e gli appalti nei servizi scolastici e sociali.
Il nostro sindacato ha presentato più volte esposti e richieste di conciliazione in Ispettorato del lavoro.

Catania è una città difficile, dove è arduo fare rispettare leggi e contratti.
I "soliti noti"non digeriscono l'attività di rappresentanza sindacale e di promozione dei diritti della Cub in Sicilia.
Nella tarda serata di venerdì 22, l'automobile del Coordinatore della Cub Sur è stata pesantemente presa di mira, è la seconda volta che accade in 15 giorni.
Il sindacato di via Patanè non si farà intimidire, confermiamo tutte le iniziative vertenziali che sono in corso. Saremo presenti con i nostri delegati a rappresentare l'esercizio di salvaguardia dei bisogni dei lavoratori presso le sedi istituzionali deputate alla tutela.
Francesco Tomasello al quale va tutta la solidarietà della CUB Nazionale, guiderà la delegazione della Cub presso l'Ispettorato del lavoro e nella procedure disciplinari che vedono le nostre RSU e delegati presi sotto mira da coloro i quali confondono le istituzioni con "la cosa loro".

Per la CUB Nazionale
Amendola Marcelo

FaceBook