E SFRATTA LE FAMIGLIE SENZA NESSUNA ALTERNATIVA.
Succede in viale Gramsci 545 nel Residence Puccini: sei famiglie sono state sistemate provvisoriamente negli alloggi del residence dalla precedente amministrazione in attesa di una assegnazione in emergenza abitativa.

In mancanza di un Piano Casa pensato sulla base della crescente domanda di alloggi a canone sociale, i tempi di assegnazione si sono allungati all’infinito creando la situazione paradossale per cui le famiglie riconosciute in diritto di ottenere un’assegnazione sono state abbandonate in una struttura composta di stanze con servizi in comune per anni.

Ora L’Amministrazione Comunale vuole sfrattare tutte le famiglie ricoverate in situazioni provvisorie (sub affitti, residence, albergo comunale) senza dare nessuna alternativa.

L’ultimo bando adottato dal Comune di Sesto in via sperimentale ha permesso l’accesso solo ad alcune categorie di famiglie,  escludendo gli inquilini già sfrattati, e il nuovo bando che il Comune sta apprestando presenterà gli stessi limiti.

Abbiamo chiesto di assegnare sulla base della vecchia graduatoria e della graduatoria di emergenza tutt’ora attiva, ma l’Assessore si rifiuta di convocare la Commissione e di procedere alla sistemazione di chi è già in strada.

Oggi al picchetto contro lo sfratto delle famiglie davanti al residence abbiamo parlato con il proprietario che ci ha comunicato che il Comune da mesi non paga più i canoni anche se le famiglie continuano nei pagamenti della quota di loro spettanza.

La situazione diventa sempre più assurda, ma sempre più chiara: la maggioranza di Sesto San Giovanni sta conducendo una guerra irresponsabile contro le famiglie in difficoltà anche se in campagna elettorale e nelle prime dichiarazioni della nuova giunta, l’attenzione alla situazione delle famiglie era uno degli obiettivi prioritari.

 

LA GUERRA VA FATTA ALLA POVERTA’ 

NON AI POVERI NO AGLI SFRATTI

SI’ AD UN PIANO CASA ABITANTI DEL RESIDENCE PUCCINI

 

Sesto San Giovanni 31 maggio 2018 

ABITANTI DEL RESIDENCE PUCCINI
UNIONE INQUILINI

    Scarica il comunicato in pdf                                                       

FaceBook