Sanitò Pubblica -  Sanità Privata - Servizi socioassistenziali e sociosanitari pubblici e privati - Enti Locali - Enti e organizzazioni Non-Profit. 

Lo sciopero ha lo scopo di contrastare il drammatico deterioramento del welfare, le privatizzazioni ed esternalizzazioni, il taglio delle risorse disponibili, la chiusura di ospedali e servizi sanitari e sociali, il peggioramento della qualità dei servizi, la perdita di posti di lavoro, la riduzione dei sussidi alle persone in difficoltà, il ritardo nei pagamenti agli enti prestatori di servizi, il mancato pagamento di stipendi, i comportamenti autoritari nei posti di lavoro.


La CUB Piemonte, avendo ottemperato ai disposti della legge 146/1990 e s.m.i.,  porta a conoscenza dei riceventi di aver indetto lo sciopero dei comparti:
-          Sanità Pubblica
-          Sanità Privata
-          Servizi socioassistenziali e sociosanitari pubblici e privati
-          Enti Locali
-          Enti e organizzazioni Non-Profit

L'azione è prevista per l'intera giornata del 18 aprile 2013. I lavoratori e le lavoratrici che prestino servizio a cavallo di più giorni sciopereranno dall'inizio del turno nella giornata del 17 e fino a fine turno nel giorno 18.
Lo sciopero ha lo scopo di contrastare il drammatico deterioramento del welfare, le privatizzazioni ed esternalizzazioni, il taglio delle risorse disponibili, la chiusura di ospedali e servizi sanitari e sociali, il peggioramento della qualità dei servizi, la perdita di posti di lavoro, la riduzione dei sussidi alle persone in difficolt , il ritardo nei pagamenti agli enti prestatori di servizi, il mancato pagamento di stipendi, i comportamenti autoritari nei posti di lavoro.
Inoltre si prefigge lo scopo di sostenere la richiesta di assunzioni nel settore pubblico, di un rilancio della qualità dei servizi che garantiscono i diritto del cittadino, dello sblocco dei contratti del Pubblico Impiego e della sua applicazione anche a tutti i lavoratori del settore assistenziale e sanitario.

Le richieste derivanti sono articolate per settore di lavoro e saranno presentate alle adeguate controparti.

Torino, 2 aprile 2013
per la Confederazione Unitaria di Base
del Piemonte

S. Capello (coordinatore regionale)

CUB
Sanità
Assistenza
Corso
Marconi 34, 10125 Torino
Tel
/fax 011.655.897
sanita
@cubpiemonte.orgwww.cubpiemonte.org

 

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE RISORSE UMANE E PATRIMONIO
Via Viotti, 8 10121 - Torino
Via Fax 011/4324621

ASSESSORATO ALLA SANITA'
Via fax 011/4324629

A.N.C.I. PIEMONTE
Piazza Palazzo di Città, 1 C.A.P. 10122 - Torino
Via Fax 011/56.26.284

CITTA' DI TORINO
Piazza Palazzo di Città, 1 C.A.P. 10122 - Torino
Via Fax 011. 011/442.34.55
011/442.20.31

UFFICI RELAZIONI SINDACALI DELLE PROVINCIE DI:
ALESSANDRIA - via fax 0131/304326
ASTI – via fax 0141/433357
BIELLA – via fax 015/8480740
CUNEO – via fax 0171/6986
NOVARA – via fax 0321/378292
VERBANO CUSIO OSSOLA – via fax 0323/4950237
VERCELLI – via fax 0161/590725
TORINO – 011/8612782

LEGA NAZIONALE COOPERATIVE E MUTUE DEL PIEMONTE
Legacoopsociali
Via Livorno 49 10144 Torino

via Fax: 011/5178975

CONFCOOPERATIVE PIEMONTE – Federsolidariet
Corso Francia, 329 10142 - Torino
via Fax: 011/4343253

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE - PIEMONTE
Corso Traiano n. 24/10 10135 Torino
via Fax 011/5186101

ANASTE PIEMONTE
c/o ASCOM via Massena, 20 Torino
sede operativa Via Vercelli23/a, Caresanablot (VC)
via Fax: 0161/234800

ANFFAS Onlus PIEMONTE
Via Bossi, 24 10144 Torino
via Fax. 011/3810722

FENASCOP PIEMONTE
Corso Re Umberto 8 10121 TORINO
c.a. della Presidente, dr.ssa Cassin
via Fax: 011/9863143

UNEBA
c/o Piccola casa della Divina Provvidenza "Cottolengo"
via San Giuseppe Benedetto Cottolengo, 14 10152 Torino
via Fax: 011 5225567,

CROCE ROSSA ITALIANA
Corso Trento, 13 10129 TORINO
via Fax: 011/280337

 

 

Assistenza – Enti Locali - Sanità

PERCHÈ SCIOPERARE IL 18 APRILE

1) Per la difesa del welfare, del benessere dei cittadini, dei diritti sociali, della qualità e quantit dei servizi sociali e sanitari

La crisi finanziaria non è dovuta al troppo benessere e ai troppi servizi di cui godremmo L'Italia è agli ultimi posti in Europa per reddito e servizi ai cittadini. La verità è che in questi anni sono state date al sistema finanziario-industriale risorse enormi con investimenti in grandi opere inutili e nocive come il TAV, interessi (dati alle banche) sul debito pubblico ecc. Questo senza dimenticare l'evasione e l'erosione fiscale, basse tasse ai redditi alti ecc.

Se vogliono tagliare qualcosa, taglino le spese militari, le grandi opere inutili, l'evasione e i redditi dei manager, dei politici e degli alti burocrati pubblici.

NO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI E DEI SERVIZI MEDICI TERRITORIALI EDALLA RIDUZIONE DEI POSTI LETTO CHE ALLUNGHERANNO ULTERIORMENTE LE LISTE DI ATTESA.

  • NO AL TAGLIO DEI SUSSIDI AI DISABILIE DEI SERVIZI SOCIALI.
  • PER L'ASSUNZIONE DI TUTTO IL PERSONALE NECESSARIO AL BUON FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI CHE OGGI VANNO AVANTI SOLO GRAZIE A TURNI E CARICHI DI LAVORO MASSACRANTI.

 

2) contro la pretesa di fare profitti sulla salute, sulla sofferenza e sui diritti essenziali delle persone. I diritti delle persone poco a poco vengono trasformati in business su cui realizzare un guadagno sulla mia salute, sul mio handicap, sul mio bisogno di assistenza, sulla mia sofferenza, sul mio malessere sociale.

  • NO ALLA PRIVATIZZAZIONE ED ESTERNALIZZAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI E LA SVENDITA DEGLI OSPEDALI.
  • NO ALL'AUMENTO DEI TICKET SI A UNA sanità PUBBLICA, GRATUITA E DI ECCELLENZA

 

3) Per la difesa di chi lavora nei servizi alla persona. Per l'occupazione, salari dignitosi, condizioni di lavoro decenti. Per la fine dello sfruttamento, dell'autoritarismo e del mobbing che sempre più viene esercitato su tutte e tutti con il ricatto della perdita del posto di lavoro.

  • PER L'ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DEI/DELLE PRECARI/E CHE HANNO FATTO FUNZIONARE I SERVIZI PUBBLICI FINO AD OGGI.
  • PER L'APPLICAZIONE DEL CCNL DELLA sanità PUBBLICA AL PRIVATO SOCIALE
  • PER LO SBLOCCO DEI CONTRATTI DI LAVORO FERMI DA TROPPI ANNI.
  • PER L'IMMEDIATO PAGAMENTO DELLE FATTURE E DEGLI STIPENDI ARRETRATI A TUTTO IL PRIVATO SOCIALE

 

MANIFESTAZIONE CONTRO

GOVERNO - REGIONE - COMUNE - FINANZA

Partenza 9.30 Porta Susa (vecchia)

 

 

FaceBook